Passa ai contenuti principali

GORO GORO: l'arte di godersi il tempo e altre storie sul Giapponese

🇯🇵 

ごろごろ Goro Goro in giapponese significa “tempo passato a godersi il tempo che passa”, una sorta di abbandono, di ritorno alla lentezza.


Siete mai riusciti a raggiungere questo stato mentale? Vi piacerebbe insegnarlo ai vostri bambini?


Il modo migliore per farlo è affidarsi al potere delle storie del Sol Levante






📖 Goro Goro  novità Salani di Laura Imai Messina è un libro pieno di bellezza pensato per tutta la famiglia. 12 fiabe che si intrecciano ai racconti della tradizione nipponica.


Il Giappone è la terra della spiritualità, ogni cosa agli occhi di chi la osserva appare fantastica ed altamente emozionale. Le terre di Tamato sono popolate da esseri fantastici, demoni capricciosi, pescatori di stelle, volpi che mutano nell’aspetto, principesse innamorate, bambini di fango, ecc. e chiunque si incontri è pronto a trasmettere una piccola verità. 



« Di' pure tutte le bugie che vuoi, ma ricorda di dare sempre a ognuna un titolo e di chiamarle "storie" oppure "fiabe" »


Ogni storia è legata alla precedente, attraverso un filo sottile che se ripercorso, riconduce alla gioia. Quando si attiva alla fine si è convinti di essere tornati all’inizio.


Le illustrazioni sono di Philip Giordano, artista italiano che vive in Giappone . Il suo tratto è raffinato, le immagini hanno la capacità di dialogare con le parole scritte e liberare l’immaginazione del lettore. Sono presenti in ogni pagina, si inseriscono con garbo e creano una sorta di attesa. 

Il colore prevalente è l’arancione, declinato in varie tonalità. 


Lo trovi qui



Buone letture!

Carlotta

Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

GIANNI RODARI : FAVOLA SULLA PIOGGIA DI PIOMBINO

Giornata uggiosa? Rodari nelle sue “Favole al telefono” immagina e racconta una pioggia speciale. Vi consiglio di leggerla ai vostri piccoli. memeandsaysay Gianni Rodari FAVOLE AL TELEFONO Giulio Einaudi editore La famosa pioggia di Piombino Una volta a Piombino piovvero confetti. Venivano giú grossi come chicchi di grandine, ma erano di tutti i colori: verdi, rosa, viola, blu. Un bambino si mise in bocca un chicco verde, tanto per provare, e trovò che sapeva di menta. Un altro assaggiò un chicco rosa e sapeva di fragola. - Sono confetti! Sono confetti! E via tutti per le strade a riempirsene le tasche. Ma non facevano in tempo a raccoglierli, perché venivano giú fitti fitti. La pioggia durò poco ma lasciò le strade coperte da un tappeto di confetti profumati che scricchiolavano sotto i piedi. Gli scolari, tornando da scuola, ne trovarono ancora da riempirsi le cartelle. Le vecchiette ne avevano messi insieme dei bei fagottelli c