Passa ai contenuti principali

Festa del papà: una piccola guida per scegliere il libro giusto

{ P } P di papà.

La sua festa è alle porte, ecco qualche dritta per renderlo felice con un libro da leggere insieme. 





Per deformazione professionale ho inserito Roald Dahl, Quentin Blake e Eric Carle, spero possiate perdonarmi.😅



📚Papà isola Émile Jadoul , babalibri 


In questo albo Emile Jadoul mette in circolo dolci parole e tenere illustrazioni per mostrare i sentimenti che prova un futuro padre


La mia frase preferita: 


“Tu sarai un papà-capanna”, e proteggerai il nostro piccolo dalla pioggia e dal vento.”


Per la recensione completa clicca qui 


Età di lettura. dai 3 anni






📚Il mio papà è fantastico , Roald Dahl e Quentin Blake , ApeJunior


Quei geni di Roald Dahl e Quentin Blake giocano con i personaggi delle loro storie e ci mostrano i punti di forza ma anche i vizi dei nostri supereroi. Un cartonato maneggevole da portare sempre con sé.


La mia frase preferita:


“Il mio papà...mi porta a spasso nei momenti bui. Sarà sempre con me, e io sarò con lui.”


Età di lettura: dai 4 anni





📚Ti voglio bene papà, Eric Carle, Mondadori


Eric Carle accompagnato da alcuni animali, tanto cari ai bambini ( c’è anche “Piccolo Bruco Maisazio” 🐛) ci mostra con un linguaggio infantile, per calarsi all’altezza dei piccolissimi e farli sorridere insieme ai papà


La mia frase preferita: 


“Tu stai sempre vicino a me...per prendermi se cado.. ecco perché ti voglio bene, papà!”


Età di lettura: dai 3 anni




📚Papà ti vuole bene , DeAgostini 


Un libretto con alette a forma di cuore che fonde il gioco alla lettura. Ogni pagina nasconde una piccola sorpresa per solleticare la curiosità del bambino. Un gioco di complicità e sguardi. In copertina c'è anche un piccolo specchietto per riflettere un grande amore.


La mia frase preferita: 


“ Il tuo papà ti vuole bene! Ogni giorno, sempre!”


Età di lettura: dai 2 anni




📚Io e te, papà di Olimpia Ruiz Altamirano, ApeJunior

è il libro perfetto per chi vuole comunicare i propri sentimenti attraverso disegni, scarabocchi, fotografie. Un album da completare e personalizzare e poi donare al nostro grande amore. 


La mia frase preferita:


"Io e te papà, stiamo bene insieme."


Per la recensione completa clicca  qui


Età di lettura: dai 3/4 anni


Buone letture ! 

Carlotta


Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl