Passa ai contenuti principali

UN LIBRO PER SPIEGARE L'OLOCAUSTO AI BAMBINI

"L'Olocausto è una pagina del libro dell'Umanità da cui non dovremo mai togliere il segnalibro della memoria."
                                                                      Primo Levi


mamma leggiamo insieme olocausto



LA MIA PROPOSTA...


La portinaia Apollonia
scritto da Lia Levi e illustrato da 
Emanuela Orciari
Orecchio Acerbo

La portinaia Apollonia” di Lia Levi ha vinto il premio Andersen come miglior libro dell'anno 2005 e come miglior albo della fascia 0/6 anni.
I nostri figli ci fanno domande sul “Nazismo”? Sentiamo il bisogno di informarli per tenere viva la Memoria su un evento tragico che non può essere dimenticato?
Questo meraviglioso albo permette importanti spunti di riflessione sul razzismo, avvicina i più piccoli a un argomento delicato come l'Olocausto, e li aiuta a comprendere gli orrori della seconda guerra mondiale.
Siamo nel 1943 in una cittadina sotto l’occupazione nazista.
Daniel è un bambino ebreo, che vive solo con la madre perché il padre è fuggito per evitare la deportazione e per correre in aiuto dei “soldati buoni”, quelli che cacceranno via i soldati cattivi.
E' un periodo in cui agli ebrei è vietato lavorare e la mamma di Daniel si vede costretta a farlo di nascosto ( il bambino è ingenuamente convinto che i nazisti vogliano far riposare gli ebrei). Il mostro che spaventa il fanciullo però non sembra essere la guerra, bensì la portinaia Apollonia. Nonostante il clima teso, il ragazzino di giorno si muove ancora liberamente per le strade cittadine finchè un giorno al ritorno a casa la mamma non gli risponde...all'ingresso dell'abitazione una grossa mano gli chiude la bocca e lo trascina in cantina...
Il bambino riconosce Apollonia ed è convinto che la strega lo rinchiuderà per mangiarlo ma….nella cantina trova la madre e comprende che la portinaia li ha messi in salvo dai nazisti.
Fortunatamente anche le “streghe” a volte possono salvare i bambini e celare sentimenti nobili e sinceri.
Un libro che parla di discriminazioni e che quindi necessita di essere mediato da un adulto.
Età consigliata: dai 6 anni
Prezzo di copertina:euro 9,50
Per scaricare l'albo clicca qui
Se sei interessato ad acquistarlo, compralo qui

Commenti

  1. grazie Carlotta...bellissimo libro.. già scaricato pronto per la giornata della memoria insieme ai video della simona!!
    Che bello avere colleghe così brave, ch soprattutto condividono la loro saggezza con noi!!!

    RispondiElimina
  2. Grazie a te Paola! Questa è la mia grande passione ed è un piacere poterla condividere...

    RispondiElimina
  3. Grazie tante Carlotta per la tua sensibilità in tutto quello che fai!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl