Passa ai contenuti principali

SE FOSSI UN GATTO Bohem

Abbandoniamo per un momento il pensiero della società consumistica nella quale viviamo, dove tutto ha un tempo prestabilito e lasciamoci andare 
alla semplicitàalla spensieratezza e a prendere coscienza dell'ambiente naturale che ci circonda. Ora proviamo a leggere questo libro ai nostri bambini, dando il giusto peso alle parole e iniziamo a calarci in panni altrui, liberando così la nostra innata immaginazione....


SE FOSSI UN GATTO
scritto da Edoardo Bardella Rapino
Illustrato da Matteo Gubellini



In SE FOSSI UN GATTO...” l'autore si diverte a celarsi dietro a differenti animali per immaginare la sua vita dai più svariati punti di vista.
Tra le righe emerge la voglia di un rapporto privilegiato con la natura, desiderio che attraverso gli animali risulta possibile.


Se fossi una talpa potrei vivere a stretto contatto con la terra, scavare infinite gallerie e compiere viaggi avventurosi; se fossi un pesce potrei nuotare nell'infinità del mare ed osservare i gabbiani che si librano nel cielo; se fossi uno scoiattolo potrei ripararmi sui vecchi alberi, parlare con loro e ringraziarli;
se fossi un asino riuscirei a percorrere sentieri impervi e ad avvicinarmi alle cime delle montagne per osservare le stelle; se fossi lumaca, grazie alla mia “casetta” potrei girare tutto il mondo e vedere i posti più lontani...
E infine, se, tornando bambino, potessi avere un regalo per il mio compleanno, non chiederei un banale giocattolo ma un albero da piantare per vederlo crescere insieme a ME!
Questo è un bel messaggio per i nostri piccoli, loro lo coglieranno senza difficoltà perché lo sentiranno vibrare in fondo al cuore.

Anno di pubblicazione: 2008
Età consigliata: 3-6 anni
prezzo euro 13,50
sei interessato all'acquisto, clicca qui


Per realizzare la vostra maschera da Gatto...

-cartoncino nero (base della maschera)
-cartoncino bianco (x il musetto, i baffi e le ciglia)
-cartoncino rosa (x il naso e l'interno delle orecchie)
-bastoncini da spiedini
-colla
-forbici
-pennarelli
-pistola per colla a caldo


GATTO MASCHERA mammaleggiamoinsieme.blogspot.com
Il nostro "Gatto"


Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl