Passa ai contenuti principali

BENIAMINO E L'OROLOGIO MAGICO Lindau

TIC TAC TIC TAC....
Sembrerebbe il suono prodotto da un Orologio..
INDOVINATO!!! 




Beniamino come d’abitudine
tornava da scuola in solitudine,
spensierato scendeva a valle
con lo zaino sulle spalle...


Si tratta di un racconto scritto in rima che ti cattura fin dall'inizio.

Beniamino, un bambino in età scolare, come tutti i giorni, finita la scuola, percorre la strada verso casa.
Ma come spesso accade nelle storie, il sentiero familiare quel giorno appare sconosciuto e misterioso.





I bambini hanno il dono di trasformare un contesto banale in un mondo avventuroso che non smette di sorprenderli.. 

E' così che Beniamino trova per terra un orologio a cipolla (dagli strani poteri).

Dapprima un leprotto proverà a sottrargli ciò che lui nel suo cammino ha trovato;
e poi ancora un canarino....
Lui però non demorde e tiene ben stretto ciò che in realtà non gli appartiene.

saranno forse figure simboliche venute a metterlo di fronte alle sue menzogne?

Infine sarà l'incontro con un vecchio a dargli un importante insegnamento sulla vita e l'onesta.
Mentre la sua mamma, come tutti i grandi, non si accorgerà di nulla......


Beniamino riuscirà a comprendere che :

"L'unica cosa che restituisce la libertà è dire senza paura la verità".
Il formato del libro è "delicato", ricorda un quaderno di scuola.
Il tratto grafico è raffinato; la prima volta che ho sfogliato questo albo, sono stata colpita dall'espressività degli occhi dei personaggi.
Il leprotto è senz'altro il personaggio che io e mio figlio preferiAmo.

Curiosità sugli autori:

Paolo Ligabue è nato nel 1975 e nella vita si occupa di grafica. Un bel giorno ha deciso di aprire il cassetto della sua scrivania e togliere la polvere ad uno dei tanti fogli dove, nei suoi voli con la fantasia, ha scritto bellissime storie...

Matteo Pagani è nato nel 1979. Ha studiato pittura e tecniche dell’incisione all’Accademia di Belle Arti di Bologna. È vincitore del concorso di grafica e illustrazione per i 150 anni dell’editore Salani (2013), per la copertina di Matilde di Roald Dahl.Quando poggia la matita sul foglio riesce a trasmettere forti emozioni...

  Presentazione del libro - Viano - ottobre 2013


Anno di pubblicazione: 2013
prezzo di copertina: 12 euro
qui lo trovi a un prezzo scontato
Hai voglia di visitare il Blog di Beniamino per conoscere le iniziative legate al libro? Clicca qui

I due autori stanno già lavorando a un nuovo progetto....

Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl