Passa ai contenuti principali

LIBRI DI FIABE E FILASTROCCHE: GIANNI RODARI

Se state cercando un libro da leggere ai vostri piccoli prima di andare a dormire, vi consiglio un titolo che contiene tanti racconti...

Si tratta di 
PRIME FIABE E FILASTROCCHE
scritto da Gianni Rodari e illustrato da Sophie Fatus
Einaudi Ragazzi



La copia di Alessandro

Più di dieci storie non troppo lunghe, ideali da leggere prima di dormire e tante ma tante filastrocche.
I vostri piccoli si addormenteranno serenamente e faranno sogni incantevoli.



Il Campanello dei ladri, una delle fiabe preferite da mio figlio
"Il signor Guglielmo abita nei boschi e ha molta paura dei ladri. Il signor Guglielmo non è ricco, ma i ladri come fanno a saperlo?..."

Anno di pubblicazione: 2011
Età consigliata: dai 5 anni

Modalità d'uso: Leggere insieme a mamma e papà, preferibilmente prima di andare a dormire. E' consigliato coprirsi con coperte morbide e avvolgenti e chiudere gli occhietti. Sono ammesse domande e curiosità.

Gianni Rodari nasce a Omegna nel 1920. Figlio del fornaio del paese, rimane orfano all'età di dieci anni. Inizialmente frequenta un seminario cattolico ma preferisce terminare gli studi all'Istituto magistrale.Dapprima intraprende la carriera di precettore privato e poi di maestro, ma ben presto decide di abbandonare questa strada per dedicarsi alla scrittura, la sua vera passione. La vita lo vede musicista (suonava il violino nelle osterie),giornalista, politico e pedagogista. Nel 1970 vince il premio Andersen - il più prestigioso riconoscimento italiano attribuito ai libri per ragazzi, ai loro autori, illustratori ed editori.

Rodari è famoso in tutto il mondo per la sua originalità, ha contribuito a modificare la letteratura per ragazzi. Tra i titoli più conosciuti: la grammatica della fantasia, favole al telefono, filastrocche in cielo e in terra....
Per visitare il sito dedicato all'autore clicca qui

QUESTO LIBRO SOSTIENE LA TESI CHE LE FIABE NON BASTANO MAI!






Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl