Passa ai contenuti principali

Storie di lupi buoni: UNA ZUPPA DI SASSO Babalibri

Storie di lupi buoni....


In inverno, a casa nostra, siamo soliti cucinare delle buonissime 
zuppe, di sicuro la nostra preferita è quella di "Sasso"...

ZUPPA DI SASSO
scritto e illustrato da Anais Vaugelade

E' notte. E' inverno. Un vecchio lupo senza denti si avvicina al villaggio degli animali.
Le dimore che avvista sono illuminate e dai comignoli esce fumo;
questo fa presagire che non sarà difficile trovare ospitalità.
Il carnivoro decide di bussare...
TOC-TOC-TOC
dall'altra parte della porta sbuca una deliziosa gallina;
alla vista del lupo, la reazione della pennuta non è delle migliori, ma quando scopre che l'ospite è sdentato, malconcio,
e si offre di cucinare per lei, decide di farlo accomodare. 


L'astuto Re dei boschi, chiede una pentola alla nuova amica e inizia a spiegare la sua famosa ricetta:
IN UNA PENTOLA METTERE UN GRANDE SASSO (che il furbacchione ha nel suo sacco), AGGIUNGERE ACQUA E ASPETTARE CHE BOLLA......
La gallina, non convinta degli ingredienti, suggerisce di aggiungere un po' di SEDANO....
All'esterno, il vicinato è allarmato ( accortosi della strana presenza a casa dell'indifesa dirimpettaia ) ma, ancor più incuriosito di conoscere un LUPO in carne e ossa e così si presenta in processione..dapprima il porcello, e poi l'oca, il cavallo, la pecora, la capra e il cane.
Gli animali vengono travolti dal fascino della situazione e alla fine ognuno di loro suggerisce ingredienti per insaporire la zuppa. I consigli vengono accettati di buon cuore, la pietanza diventa squisita e la serata si trasforma in una divertente cena in compagnia.
Così com'era giunto, il lupo riprende il suo peregrinare, pronto, grazie all'astuzia (nel suo caso l'espediente è un semplice sasso) a "scroccare" deliziosi pasti.
La morale insegna che quando la curiosità vince sulla diffidenza può serbare piacevoli sorprese.

Le illustrazioni sono semplici, i colori delicati ma piacevoli all'occhio.



Anno di pubblicazione: 2001
Età consigliata:3-6 anni
Sei interessato all'acquisto, clicca qui
è disponibile anche una versione economica (stampata nel 2012), clicca qui



Vi è venuta fame? 

immagine del web




Commenti

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Ciao Carlotta,
    ho appena scoperto il tuo blog... per curiosità stavo cercando un commento sulla zuppa di sasso, perchè a casa è nata una diatriba sulla morale di questa favola (ognuno la interpreta in modo diverso).
    ... e la tua morale e' ancora diversa!!!
    Nel frattempo la piccola di casa (2 anni e lingua biforcuta) non si pone problemi e usa il libro come cuscino per dormire ("mamma tu non puoi leggerlo... lo legge solo la Silvia al nido... io dormo").
    Faccio un giro x il tuo blog in cerca di ispirazione...
    Ciao!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl